lunedì 29 settembre 2008

Crisi del settimo anno? Direi proprio di no!!!

Il 30 settembre di 7 anni fa venivo ordinato diacono.

Come sono stati questi 7 anni?

Uno parte con certe idee, con certi modi di concepire il proprio diaconato. Già durante la formazione ci si scontra con la realtà, soprattutto con la propria realtà di esseri limitati e pieni di difetti.
Facendo un bilancio di questi anni, devo dire che sono stati diversi da come li pensavo prima. Ho scoperto che per certe cose che mi attiravano, proprio non ci sono tagliato, ma anche che per tante cose a cui proprio pensavo di non essere adatto, sono invece quelle che mi riescono più facilmente, quelle per cui la gente maggiormente mi cerca.
Ma soprattutto ho potuto scoprire che lo Spirito Santo dato nel Sacramento, dona sempre le capacità di affrontare il tuo compito.

Sono contento di aver acconsentito a questa scelta. Anche se ogni anno che passa si aggiunge qualche nuovo incarico e qualche nuova responsabilità, so di non essere da solo, che Dio mi assiste sia direttamente che per mezzo di Maurizia, del mio parroco e di tutta la comunità, di tutti gli amici che mi sono vicini (chi crede con la preghiera, chi non crede con l'affetto e la simpatia)

A tutti voi il mio ringraziamento e la mia preghiera

Pace e benedizione

3 commenti:

  1. Un augurio speciale per l'anniversario!!!
    Non preoccuparti se sono stati anni diversi da quelli che pensavi.. l'importante è che li hai fatti insieme a Dio!!!

    RispondiElimina
  2. Io non mi preoccupo, anche perché sono stati migliori!
    Pace e benedizione

    RispondiElimina
  3. Ciao, Julo!
    Apro solo ora la "tua pagina", dopo un periodo un po' intenso, e dopo la telefonata dell'altro giorno... Non sapevo della tua ricorrenza, ma forse qualcosa mi diceva che dovevo comunque sentirti... Ti faccio i miei più sentiti auguri! Quello che dici ("Ma soprattutto ho potuto scoprire che lo Spirito Santo dato nel Sacramento, dona sempre le capacità di affrontare il tuo compito") è proprio vero, lo sperimento anch'io, e sono grato a Dio di questo suo amore personale sperimentato.
    Un abbraccio a te e a Maurizia, anche da mia moglie Chiara,
    Gigi

    RispondiElimina