giovedì 30 ottobre 2008

Due giorni diversi dal solito

Martedì (28 ott.) mia moglie ed io ci siamo presi una piccola vacanza. Siamo andati a Mantova (qui ci sono alcune foto). Ci avevano detto che è una cittadina molto bella. Il tempo non era dei migliori, anche se ogni tanto il sole faceva capolino fra le nuvole.
Il primo impatto è stato piacevole: arrivare e vederne il profilo che 'sorge' dal laghetto non ha nulla da invidiare, anzi, alle skyline più celebrate (es. New York)
Però nel complesso è stata un po' una delusione. Forse perché le aspettative erano alte. Ci sono piaciute moltissimo la Rotonda di san Lorenzo e la Stanza degli Sposi (gli affreschi sono veramente magnifici).
Però alla sera eravamo contenti di tornare a casa.

Ma il bello è stato ieri (29 ott.). Era il nostro 31mo anniversario di matrimonio. Per festeggiare alla mattina siamo andati a Messa. Per una volta non ho fatto servizio, ma sono stato vicino a lei. Ma il regalo più bello ce l'ha fatto nostro figlio. Non l'aquila di cui parlavo tempo fa, il secondo. È venuto con noi a Messa e ci è stato vicino anche durante la benedizione che è seguita. Lui sono 4-5 anni che non entrava in chiesa. Non crede ed è anche molto critico nei confronti della Chiesa. Quando ce lo disse anni fa aveva le lacrime agli occhi, perché temeva di ferirci, di farci male. Ma concordammo con lui che sarebbe stato altamente ipocrita se, data questa sua convinzione, avesse continuato a venire a Messa solo per farci piacere. Evidentemente il Signore ha per lui una strada diversa da quella che pensiamo noi.

Però questo suo dono ci ha fatto un piacere enorme. Più del regalo materiale che i figli ci hanno fatto, più degli auguri che le persone che erano a Messa ci hanno fatto alla fine, anche se molti oltre a questi ci hanno anche ringraziato per il solo fatto di esserci, per quello che la nostra presenza dava loro.

Pace e benedizione

5 commenti:

  1. tanti auguri per il 31° annivrsario (noi ne facciamo 25 l'anno prossimo). Anche mio figlio ogni tanto ci fa il regalo della sua presenza in Chiesa, lo fa spontaneamente e questo penso che sia la cosa più bella. Lui ha appena compiuto 18 anni ed è perfettamente normale che i ragazzi a questa età facciano le loro scelte.
    A noi non resta che dare l'esempio, ma soprattutto far trasparire la serenità e la luce che accompagna tutte le coppie che vivono in grazia di Dio.
    PS la mia nuova e-mail antoscar@fastwebmail.it
    ciao Antonio

    RispondiElimina
  2. Io sono molto più novello di voi (quasi 3 anni e mezzo..) però spero di saper intraprendere un cammino luminoso come il vostro...
    Sinceri auguri a te e famiglia da sPunto!!!

    RispondiElimina
  3. far festa nell'anniversario di matrimonio ci ricorda il cammino che abbiamo fatto insieme e ci fa gustare il sapore di un incontro che si è fatta storia quotiana. Quando gli anni di cammino comune sono poi così tanti la gioia è ancora più forte perchè dimostra che la vita insieme è ancora possibile nonostante i tempi così complessi che stiamo vivendo.
    una bella testimonianza. Grazie
    vincenzo

    RispondiElimina
  4. Molto bello quello che racconti. Siete degli ottimi genitori.

    RispondiElimina
  5. Un grazie a tutti per gli auguri e per le belle parole. Mi hanno commosso.

    Pace e benedizione

    RispondiElimina