domenica 2 dicembre 2012

Prima domenica di Avvento


Stiamo vivendo l’anno della Fede.

Nel vangelo di Luca, ad un dato momento Gesù pone un interrogativo per certi versi tremendo: “Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?” (Lc 18,8); inoltre spesso, dopo averli ripresi per la loro poca fede,  esorta i discepoli a pregare perché Dio accresca la loro fede.

È chiaro quindi che la fede è una cosa molto importante. Ma cos'è la fede? cosa intende Gesù quando parla di fede?

Non è credere che Dio esiste: gli ebrei lo credono fermamente. Non è neanche credere che per salvarsi si devono seguire i Comandamenti: i farisei seguivano fedelmente non solo i 10 comandamenti ma anche le oltre 600 regole ebraiche e Gesù non è decisamente tenero con loro!

Per capire meglio il significato ci può aiutare una parola che ha la stessa radice di fede: fiducia. La fiducia in una persona nasce da un rapporto non superficiale. 

Allora la fede che ci indica Gesù è il rapporto sempre più profondo, sempre più intimo con il Padre. Attraverso Gesù noi scopriamo il Padre che ci ama, e non il dio che esige, il Padre che ci viene a cercare e non ha pace fino a quando non ci ha trovato e riportato a casa, e non il dio pronto a condannarci e ad abbandonarci ad ogni nostra più piccola distrazione.

Fede è amare Dio, ma soprattutto lasciarci amare da Lui, cercare di fare qualcosa di bello per Lui, ma soprattutto scoprire tutto ciò che di stupendo Lui fa ogni giorno per noi.

1 commento:

  1. caro Julo, nel cammino che percorro avrei tanto bisogno di fiducia! Posto che la fede non abita in me.
    torno a leggerti con affetto, marina

    RispondiElimina