domenica 16 dicembre 2012

Terza domenica di Avvento


Abbiamo visto che la fede è rapporto con Dio. Rapporto che ci porta a scoprire la Sua umiltà. E questa scoperta fa nascere in noi la richiesta del perdono.
È l’incontro con la misericordia di Dio.

Fede è avere, vivere la misericordia.  “Misericordia io voglio e non sacrificio” ci dice Dio per mezzo del profeta Osea e ci ripete Gesù.

Fede è scegliere. Quando si tratta di seguire le convinzioni o la misericordia scegliere la misericordia. Quando si tratta di decidere tra la legge e l’uomo: scegliere la misericordia, l’uomo.

Meglio essere condannati dagli uomini per non aver seguito le norme e i regolamenti  piuttosto che venir condannati da Dio per non aver amato, per non aver seguito il suo esempio. Perché l’esempio che ci da Dio è proprio quello di essere misericordioso: senza nostro merito si è fatto uomo, è venuto in mezzo a noi per portarci tutti da Lui. 

C’è da dubitare di certe fedi arcigne, col dito sempre puntato e la lingua che spara giudizi di condanna a raffica. Sono fedi che dimenticano che tutti abbiamo necessità, bisogno, di essere perdonati. Dimenticano che senza la misericordia divina nessuno si può salvare, e che proprio chi ha fatto esperienza del perdono, della misericordia di Dio è chiamato a perdonare più di tutti, a essere misericordioso più di tutti. 

Perché la fede è un grande dono, ma anche una grande responsabilità. Dobbiamo vivere quello che professiamo. Quanto dell’attuale allontanamento dalla religione non deriva proprio dal nostro non aver vissuto appieno la nostra fede? 

Nessun commento:

Posta un commento