mercoledì 14 gennaio 2015

da "Taci"

La poesia è il mio paese e l'amore è il mio cammino; 
   così risiedo viaggiando, 
scolpendo la mia geografia con lo scalpello dello smarrimento; 
   ed ecco la luce: 
non corre più nei passi dei bambini; 
allora perché il Sole ripete il suo volto? 
Non scenderai tu 
   Pioggia 
      per lavare questa volta l'utero della Terra? 

La notte, 
   lampi, 
      i tessuti del tempo bruciano, 
         la verità si vela, 
            la Terra. 

Sognami 
   e dì:  Ovunque io vada vedrò una poesia abbracciarmi. 
Sognami, veramente, e dì allora:  
In ogni poesia vedrò una dimora per me.

(da Taci dei Radiodervish)

Nessun commento:

Posta un commento