giovedì 2 aprile 2015

Giovedì Santo

Ad un certo punto, Gesù in croce esclama. “Ho sete
Non è solo il grido del Crocifisso che ha sete fisica, ma è anche il grido di Dio che cerca l’uomo, che ha sete dell’uomo. Questa sete ci rivela la sofferenza di Dio senza l’uomo. Il Creatore non può vivere senza la creatura, il pastore senza il gregge. È una sete che ha un’unica causa: l’amore.

Perché la sete di Dio è come il suo amore: infinita e inesauribile. Più l’uomo si è allontanato da Dio, più si è fatto sordo alla Sua voce, più Dio fa sentire il suo amore. Lui non ha ritirato il suo amore, lo ha moltiplicato. Più l’uomo si è negato, ha rifiutato Dio e il suo amore, più Dio ha moltiplicato il suo amore e i suoi doni. Alla fine ci ha donato il Figlio. Ha dato tutto quello che aveva, si è spogliato di tutto, ha dilapidato il capitale di famiglia, non gli resta più niente. Lui è davvero un “Padre prodigo“, pur di avere l’uomo.

A volte la sete è segno di una malattia. In questo caso ci dice di quale sia la malattia di Dio: Dio è malato di amore per l’uomo.

E questo amore non ci è dato per i nostri meriti, perché non c’è niente che possa “meritare” un amore così grande, così immenso. Ci viene offerto per dono, gratuitamente, senza chiedere nulla in cambio. Perché Dio non ci chiede niente in cambio di questo amore. Lui non ci chiede niente, l’unica cosa che lui spera (spera e non chiede) è che noi accettiamo, accogliamo, questo amore.

Questa sete di Dio ci dice che non abbiamo bisogno di “valere“, di essere degni (e d’altra parte non lo saremo mai) per avere il suo amore, per essere amati, ma che solo accogliendo il suo amore, solo lasciandoci amare acquistiamo il nostro vero valore, la nostra più reale dignità.

Nessun commento:

Posta un commento